Offerte terme Trentino Alto Adige 2019


Scegliere di andare alle terme in Trentino Alto Adige, vuol dire spingersi dove la natura è incontaminata e godere dei benefici delle acque che sgorgano dalle rocce dolomitiche e che fanno di questi luoghi, un vero paradiso naturale dove ritrovare se stessi. Sia le terme in Trentino, che le terme in Alto Adige sono un vero e proprio punto di riferimento di eccellenza nel panorama nazionale.

Il peso specifico infatti potrebbe a prima vista sembrare il fatto di poter abbinare al trattamento termale, le infinite possibilità proprie di un luogo come le dolomiti (lo sci, le passeggiate nei boschi, i panorami da togliere il fiato). E in effetti per alcuni la scelta ricade sulle terme trentino proprio per la magnifica cornice. Ma quello che invece va sottolineato è che le terme in trentino sono da classificare come acque dalle grandissime proprietà curative per i trattamenti più svariati (e non solo per via delle acque). Ma scopriamo insieme il mondo delle terme in trentino!

Terme Trentino: a Rabbi un'oasi di salute

Il comune di Rabbi si trova in un luogo uscito da una fiaba. Il gran merito lo si deve al fatto che il territorio è all'interno del Parco Nazionale dello Stelvio. Una vera e propria foresta alpina, contornata da splendidi abeti e da rigogliosi larici, che accompagnano i percorsi nei boschi. La cornice dunque è splendida, ma avvolge un stabilimento termale unico nel suo genere.

Infatti le acque termali hanno una enorme concentrazione di anidride carbonica, fra le più alte che si conoscano nel mondo. Questo permette di adottare trattamenti quanto più efficaci sia per quanto concerne disturbi circolatori, ma anche riguardo a quelli respiratori, dermatologici, reumatiche e idropiniche.

I trattamenti dunque sono numerosi, ma fra quelli che ci sembra opportuno segnalare vi sono:

  • percorso flebologico, grazie al quale sentire un immediato beneficio sule gambe che appariranno subito più leggere
  • inalazioni e risciacqui nasali, che grazie alla forte concentrazione di anidride carbonica, mantiene gli effetti medicamentosi dei minerali, curando così insufficienze respiratorie
  • idromassaggi, che avvalendosi dei fanghi delle acque termali insieme alla professionalità dello staff, aiutano gli ospiti a recuperare il loro stato di benessere

Chiaramente questi sono solo alcune delle innumerevoli azioni di trattamento presenti. Basti pensare a tutta la zona dedicata agli aspetti estetici (che comprende anche i trattamenti dermatologici). Dunque si può certamente scegliere in serenità un percorso termale a Rabbi consapevoli che, anche queste terme in trentino, rappresentano un'altissima espressione di professionalità in simbiosi con la natura dell'acqua e dei suoi benefici.

Pejo, fra le più caratteristiche terme in trentino

Ci troviamo in Val di Sole, a circa 50 km da Trento, luogo ideale per chi ama sciare e trova in questo posto termale una base per arrivare al duplice scopo: curativo-sportivo. Ma prima di capire in cosa si distinguono queste terme in trentino rispetto ad altre terme alto Adige, ripercorriamo insieme il percorso storico di questo luogo.

Bisogna risalire al 1550 per scorgere i primi documenti che parlano delle acque di Pejo. Passando lungo il 1600 e poi di nuovo nel 1800 le testimonianze si alternano fra medici e studiosi. Bisognerà aspettare il 1900 per arrivare ai primi imbottigliamenti delle acque, che solo nella seconda metà del 21° secolo arriveranno sulle tavole delle varie regioni d'Italia.

Le terme di Pejo si sono affermate negli anni per le enormi proprietà idropiniche, grazie alle quali, problemi relativi alla digestione e alla circolazione, vengono trattati con ottimi risultati nel medio-lungo termine. Ma andiamo con ordine, e cerchiamo di capire quali sono i precisi benefici. Per rispondere a questo quesito occorre sapere quali sono le fonti da cui sgorgano queste acque. Sono 3 in tutto:

Fonte Alpina, Antica Fonte e Nuova Fonte, ciascuna con caratteristiche differenti pur avendo origine dal medesimo massiccio montuoso dell'Ordles-Cevedale.

Riguardo la fonte Alpina avendo una scarsissima presenza di sali minerali, facilita l'espulsione delle scorie con un ottimo effetto su eventuali calcoli. La temperatura si attesta sui 7,2° nel momento in cui sgorga.

Diversa è la composizione dell'Antica Fonte. La presenza di anidride carbonica disciolta, permette un'alta concentrazione di minerali, in particolare di ferro, rendendo perfino distinguibile un sapore vagamente ferruginoso. Proprio in virtù di queste caratteristiche ha degli ottimi effetti sull'azione dei succhi gastrici e sull'intestino. Ma anche per uso esterno si rivela una grande alleata per azioni anti-infiammatorie del corpo.

Una ricca presenza di bicarbonati permette invece alla Nuova Fonte di essere un'ottima soluzione contro i problemi cronici delle vie respiratorie. La temperatura arriva a 6,5°, confermandosi pronta per essere imbottigliata.

Terme di Garniga, un bagno nell'erba

Come accennavamo all'inizio, le terme in Trentino Alto Adige si distinguono per l'enorme differenziazione che esiste fra loro. E queste terme di Garniga sono l'ennesima testimonianza. In questa piccola località in provincia di Trento, è praticata la fitobalneoterapia, che consiste nel far immergere il paziente in un vero e proprio letto di erbe caratterizzata dall'alta temperatura (60° circa).

Questa terapia, grazie alla fermentazione delle erbe utilizzate, va a trattare svariate patologie come lombosciatalgie, reumatismi, e più in generale problemi del sistema muscolo-scheletrico e anche a livello nervoso.

Una domanda legittima potrebbe essere: Ma perché questa terapia viene adottata solo a Garniga? La risposta, si trova proprio nella tipologia di piante presenti nella zona immediatamente adiacente a Garniga. Fra le più utilizzate vi sono il timo, il tarassaco alpino, l'arnica montana e la carlina. La terapia raggiunge i suoi effetti solo a condizione che l'erba venga raccolta e immediatamente dopo utilizzata, in modo che non arrivi ad disidratarsi perdendo a quel punto le proprietà medicamentose.

Per questa ragione Garniga ha il privilegio di trovarsi in una posizione favorevole rispetto al fatto che subito dopo aver falciato il fieno sulle colline del Viote (sul Monte Bondone) le erbe vengono portate agilmente in paese e da lì utilizzate prontamente.

Come le altre località di Terme in Trentino, anche qui non si rinuncia all'utilizzo dell'acqua come ausilio al bagno di erbe. Chiaramente non si tratta di acqua termale, vista l'assenza di fonti. Tuttavia sono presenti numerose vasche a differenti temperature che fanno da ausilio alla fitobalneoterapia, andando a completarne gli effetti terapeutici, e allo stesso tempo coccolando i pazienti.