Alto Lago di Garda: cosa visitare

La zona dell’ Alto  Lago di Garda è un mix di sapori, tradizioni, storia e scenari naturalistici che vi lasceranno senza fiato. Abbiamo immaginato di trascorrere un’intera giornata in questa zona non facendoci mancare nulla delle meravigliose opportunità che si presentano a chi ha voglia di scoprire ed immergersi in questo angolo di paradiso.

I 5 sensi sono tutti chiamati a godere della bellezza della natura e dei prodotti che in questo territorio permettono percorsi di gusto a 360°.

Viaggiare con gusto e olfatto

olio del Garda

Partiamo dunque dal gusto e dall’olfatto, con due perle immancabili della tradizione della zona: l’Olio di Oliva,  e le Grappe e gli Spumanti, visitando due aziende dell’Alto Lago di Garda che permettono di vederne tutta le fasi di produzione.

Una visita in Frantoio

Il frantoio OlioCru a Riva del Garda è una vera e propria casa dell’oro liquido, dove le più moderne tecnologie di lavorazione sono messe al servizio di una tradizione che parte dal II° sec a.C., periodo in cui già questo prodotto veniva coltivato e scambiato in tutto il territorio. Oggi quell’antica tradizione vanta uno dei frantoi più avanzati d’Europa. Dalla coltivazione, alla raccolta, alla molitura fino ai filtraggi, tutto è concepito per raggiungere il massimo del piacere culinario. Ma non c’è modo migliore di scoprirlo che trascorrere del tempo all’interno dei laboratori, passeggiando fra gli uliveti, e potendo assaggiare tutti i tipi di Olio, accompagnati da crostini, formaggi e salumi messi a disposizione dei visitatori. La famiglia Morandini lascia aperta la porta della loro “casa dell’Olio” a tutti colori che sono curiosi di avvicinarsi a questo mondo che non è solo mera produzione, ma un vero e proprio rito ,fatto di professionalità, rispetto e tanta passione.

La degustazione in Distilleria

Ma l’Alto Lago di Garda è un luogo in cui il gusto , l’olfatto e il piacere dei sapori sono protagonisti anche sul versante del beverage, e in particolare l’elisir di questo angolo di Trentino è rappresentato dalle grappe e dagli spumanti. Per chi ama scoprire i luoghi assaggiandoli, assaporandoli e conoscendone le varie fasi di produzione, la Distilleria dei fratelli Pisoni è una meta da appuntarsi. All’interno della Distelleria è possibile fare percorsi di degustazione. Si passa dalle note più scintillanti degli spumanti a quelle più sinuose del vin rosè. Ma il must assoluto rimane la scelta delle grappe dove il gusto incontra la passione verso un prodotto dove i 3 secoli di tradizione familiare emergono in tutto il loro candore. Anche qui dunque potrete viaggiare in senso geografico ma anche coinvolgendo il gusto e l’olfatto che saranno rapiti dalla distilleria e dai suoi profumi densi e inebrianti.

Planare sull’Alto Lago di Garda, la Funivia Malcesine

In un luogo del genere si viene trasportati in una dimensione ancestrale con la natura in cui il senso della vista viene catturato dalla bellezza.  Ci si rende conto di quanto lo splendore di questo posto possa rapire il visitatore. Un particolare punto di vista in questo senso è dato salendo sulla funivia Malcesine.  Decollando da Malcesine, si sorvola l’intera zona perdendosi fra il cielo azzurro che sovrasta il lago e arrivando a quota 1800 metri. La vista panoramica permette di vedere l’intero territorio e immortalare i meravigliosi colori che contraddistinguono il territorio.

Un tuffo nella storia visitando il Forte Alto Garga

La bellezza passa anche anche dalla storia. E allora basterà usare l’udito e la vista per viaggiare nel tempo giungendo al Forte Garda. Il forte militare costruito tra i primi del 900, ha avuto un ruolo strategico importante nelle guerre mondiali. Il suo racconto vi porterà in quei tempi, e vi sembrerà incredibile sapere come all’interno di un cunicolo di ben 300 metri che attraversa la montagna, vivevano fino a 150 soldati.

ponale

Sul Ponale un’escursione senza tempo

La Ponale è una strada scavata sul dorsale della montagna a picco sull’Alto Lago di Garda. Una sorta di serpente che avvolge il dorso della montagna che collega Riva del Garda alla Valle del Ledro. E’ stata per tantissimi anni una strada destinata al traffico, ma dal 2004 è stata chiusa è dedicata solo ai pedoni e alle bici. Percorrere questo sentiero regala la bellezza di avere contatto diretto con la montagna. Al contempo la vista a picco sul lago, che crea un senso di vertigine e bellezza allo stesso tempo. Bisogna provare per credere, magari pernottando in una delle strutture migliori della zona.

scroll to top